Acclamata ad Our Ocean la Fondazione CS MARE

Malta, 6 ottobre 2017Karmenu Vella, Commissario europeo per l’ambiente, gli affari marittimi e la pesca, li ha definiti i “supereroi dei tempi moderni”. Si tratta di un insieme eterogeneo di imprenditori provenienti da tutto il mondo che, insieme a diversi governi, hanno annunciato pubblicamente alla conferenza internazionale Our Ocean soluzioni innovative per la salvaguardia del delicato ed inestimabile equilibrio su cui si regge oggi l’ecosistema marittimo.

È in mezzo a loro che questa mattina è stato ammesso, di fronte ad esponenti delle Nazioni Unite, una decina di Capi di Governo e oltre 30 Ministri, il progetto di Federazione Imprese che prevede l’investimento entro il 2022 di 15 milioni di euro in iniziative strategiche di de-carbonizzazione e blue economy tramite il nuovo strumento della Fondazione CS MARE, che combina l’origine privata con la compartecipazione pubblica.

Il 5 e 6 ottobre, l’Unione Europea ha ospitato a Malta, nel cuore del Mediterraneo, l’edizione 2017 di Our Ocean, conferenza internazionale che mobilizza governi, istituzioni nazionali ed internazionali, cluster industriali e imprese ad impegnarsi tramite strumenti innovativi per salvare la vita ai nostri oceani.

Proprio in questa ottica, Federazione Imprese si è assunta l’impegno di finanziare attraverso la Fondazione CS MARE azioni strategiche, le prime per l’utilizzo di carburanti alternativi nel trasporto marittimo, principalmente GNL (Gas Naturale Liquido) e bio-GNL, quest’ultimo prodotto dai rifiuti urbani e dagli scarti di pesca e agricoltura.

Questo impegno rappresenta un’ulteriore traguardo per le oltre 30.000 imprese di cui Federazione Imprese è espressione in partnership con CONFALIS: un traguardo che permetterà di proseguire il suo impegno lungo le direttrici strategiche europee della digitalizzazione, de-carbonizzazione e skill building.

Tra le 18 iniziative in materia di Blue Economy ammesse oggi ad Our Ocean spiccano le 3 italiane. Da domani, l’impegno preso di fronte alla comunità internazionale sarà oggetto di interesse costante da parte delle istituzioni globali ed i suoi risultati monitorati pubblicamente tramite il sito web, insieme alle 250 azioni concrete implementate dal 2014 a livello mondiale, per un totale investito di oltre 8 miliardi di € e quasi 10 milioni di chilometri quadrati di nuova Area Marina Protetta (AMP).

Svela Evelin Zubin, Presidente di Federazione Imprese, “con soddisfazione abbiamo riscontrato la complementarietà tra la nostra iniziativa e l’impegno assunto da RCCL (Royal Caribbean Cruise Line) a dimostrazione che, a prescindere dalle dimensioni, tramite una rappresentanza forte tutte le imprese possono creare sinergie con realtà operanti a livello globale per il raggiungimento del bene comune”.

Interlocutore strategico che assicura il dialogo con le istituzioni internazionali, Federazione Imprese indirizza verso il contesto nazionale le risorse e l’expertise europee necessarie per lo sviluppo della competitività sul mercato nazionale e globale, mettendole a disposizione delle migliaia di imprese associate tramite più di 150 sedi.

blue economy, decarbonizzazione, digitalizzazione, Evelin Zubin, Fondazione CS MARE, GNL, impegni, Karmenu Vella, Malta, Our Ocean, sostenibilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *