Digitalizzazione a misura di PMI: il secondo impegno di CS MARE annunciato a Vienna

Vienna, 19 aprile 2018 – “L’impatto della digitalizzazione sul trasporto”, questo il leit motiv di TRA2018, l’appuntamento biennale dell’innovazione trasporti che, inaugurato lunedì dal Commissario Trasporti Violeta Bulc, ha richiamato per 4 giorni oltre 3500 esperti a Vienna.

La digitalizzazione nei prossimi 15 anni trasformerà radicalmente il trasporto da come lo conosciamo adesso, hanno puntualizzato gli 11 esperti chiamati ad uno dei tavoli di confronto dalla Commissione. “Considerare come un tutt’uno la struttura materiale (le autostrade per esempio) e quella digitale o “infostruttura”: è questo il vero progresso” ha sottolineato Matthew Baldwin, Vice Direttore Generale della DG MOVE. “Occorre lavorare oggi su accessibilità, interoperabilità e condivisione dei dati per arrivare domani alla vera rivoluzione digitale”. Aspetti che il terzo Pacchetto Mobilità della Commissione in uscita a maggio metterà in evidenza.

Usare la tecnologia per costruire un clima di fiducia tra gli attori della catena logistica, tradizionalmente frammentata: un vero e proprio “notaio elettronico” per non temere l’innovazione. Questa la ricetta di Bert De Colvenaer, Direttore Esecutivo di ECSEL Joint Undertaking, la struttura Pubblico Privata che gestisce i 5 miliardi di Euro destinati dalla Commissione all’innovazione elettronica.

Consenso del tavolo anche sul messaggio di Fondazione CS MARE di mantenere al centro le piccole e medie imprese, utenti della catena logistica, che dovranno padroneggiare la digitalizzazione con facilità ed accedere in tempo reale alle informazioni.

Le informazioni sono il vero e proprio “petrolio del futuro” come ha commentato il Commissario Bulc, senza le quali la multimodalità non potrà decollare.

Un bilancio positivo quello di TRA2018, che delinea un futuro promettente ma da costruire giorno per giorno: “Oggi, la tecnologia cresce ad un ritmo tale da rendere impossibile prevedere dove ci troveremo anche solo fra dieci anni”, ha sottolineato la Presidente di Fondazione CS MARE Evelin Zubin. “Dobbiamo preparare le piccole e medie imprese alla rivoluzione digitale. Questo è il mandato di Fondazione CS MARE, un’iniziativa che richiede molte tappe: parte da Vienna, il prossimo appuntamento è Ljubjana ai TEN-T Days dal 25 al 27 aprile”.

digitalizzazione, Fondazione CS MARE, impegni, PMI, TRA2018, Transport Research Arena, Vienna, Violeta Bulc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *