Innovazione e condivisione: la factsheet di CS MARE racconta la Politica Agricola Comunitaria 2021-2027

Bruxelles, 12 luglio 2019Digitalizzazione della filiera e messa a punto dell’agricoltura di precisione saranno incluse tra le priorità della PAC 2021-2027, la Politica Agricola Comunitaria del prossimo settennato finanziario europeo. Se approvata, la proposta in discussione prevede che il 28,5% del bilancio complessivo dell’UE 2021-2027 sarà stanziato per la PAC, pari a 365 miliardi di euro; di questi, 36 miliardi saranno destinati all’Italia.

La nuova PAC pone 9 obiettivi strategici (tra cui garantire un reddito equo agli agricoltori, aumentare la competitività, contrastare i cambiamenti climatici, sostenere il ricambio generazionale) da raggiungere tramite l’utilizzo di strumenti “smart” che rappresentano l’apice della ricerca e innovazione in campo agricolo: piattaforme di condivisione dati di portata europea, sistemi di geomonitoraggio delle condizioni climatiche, robotica e fotonica.

I benefici dell’agricoltura “intelligente”, dall’aumento della produzione al minore consumo d’acqua, dalla migliore qualità dei prodotti alla riduzione dei costi, sono descritti nella nuova factsheet di Fondazione CS MARE, che si sofferma inoltre sul tema della formazione e del passaggio delle conoscenze, evidenziando la necessità di indirizzare correttamente i cambiamenti radicali in corso affinché siano recepiti come opportunità, e non come un peso o un danno, dalla comunità degli agricoltori.

In particolare l’altissima percentuale di PMI che compone il settore agricolo deve poter essere preparata a gestire il rinnovamento di metodi e tecnologie, anche attraverso le politiche UE, spesso rivolte ai grandi attori meglio preparati a gestire l’impatto dei cambiamenti. Importante dunque evitare il rischio di aumentare ulteriormente il digital divide tra grandi e piccole imprese, che minaccia la sopravvivenza delle ultime. In questo senso un ruolo cruciale per lo sviluppo delle PMI agricole può essere giocato dalle associazioni, tramite l’adozione di un approccio comune e il più condiviso possibile.

agricoltura, agricoltura di precisione, agricoltura intelligente, digital divide, digitalizzazione, filiera, Fondazione CS MARE, PAC, PAC 2021-2027, PMI, Politica Agricola Comune, Politica Agricola Comunitaria, skill building, smart

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *