Smart city, fondi dall’UE per le città del futuro

Già in pista Parma e altri 6 centri urbani. Nuova roadmap a disposizione per le città

Bruxelles, 10 maggio 2019 – Efficienza energetica e un uso strategico degli strumenti ICT per migliorare la qualità della vita dei cittadini europei, senza perdere di vista la necessità di preservare la competitività industriale, in particolare delle PMI: sono gli elementi cardine della città sostenibile del futuro individuati dalla “Smart City Guidance Package”, la guida gratuita pubblicata dal Partenariato Europeo per l’Innovazione sulle città e comunità intelligenti (EIP-SCC) nel corso dell’evento ospitato dal Comitato Europeo delle Regioni. 

Per concretizzarli, tra il 2014 ed il 2020 la Commissione Europea ha messo a disposizione parte dei 456,6 miliardi di euro destinati ai Fondi Strutturali e di Investimento ESI, ma trasformare le città europee in smart cities richiede agli attori in gioco di adottare un approccio coeso: di fronte a questa necessità, la Guida pubblicata da EIP-SCC prende le mosse dai 17 obiettivi per il 2030 stabiliti dall’ONU in materia di sviluppo sostenibile e propone una roadmap in 7 step, per accompagnare gli stakeholders nell’implementazione di progetti di innovazione, sinergie e strategie per la città smart. 

L’efficacia dei 7 step delineati dalla roadmap è già stata sperimentata con successo in 5 città europee, secondo la metodologia di lavoro propria del Partenariato Europeo per l’Innovazione: il coinvolgimento attivo dei diversi attori in gioco nello sviluppo delle smart cities, a partire dalle istituzioni e dalle città per includere anche banche, industrie, fino alle PMI e ai cittadini”, ha dichiarato Simona Costa, coordinatrice del Partenariato Europeo per l’Innovazione (nato nel 2012 su iniziativa della Commissione Europea) e responsabile dell’ufficio di Bruxelles di Fondazione CS MARE. “Con particolare orgoglio rileviamo come diverse città italiane abbiano contribuito all’iniziativa, tra cui si annoverano Firenze, La Spezia, Milano, Pisa, Genova, e a cui speriamo presto si aggiungeranno molte altre”.

Bruxelles, Commissione Europea, Fondazione CS MARE, Partenariato Europeo per l’Innovazione, Simona Costa, smart city, Smart City Guidance Package

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *